Messaggio
  • Direttiva europea e-Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

    Cookie Policy

Stampa Email
"Indagine su ADHD in età evolutiva e Covid-19": Maria Grazia Melegari, neuropsichiatra infantile esperta in ADHD in età prescolare ed evolutiva, e Oliviero Bruni, neuropsichiatra infantile esperto in disturbi del sonno, hanno coinvolto AIFA Odv, Associazione Italiana Famiglie ADHD, in uno studio su ADHD in età evolutiva ai tempi del Covid-19 che ha come scopo principale comprendere meglio se lo stato emotivo ed i comportamenti dei bambini e ragazzi che presentano Deficit di Attenzione ed Iperattività/Impulsività sono cambiati, ed eventualmente come, nel periodo della pandemia e dell’isolamento sociale.

La pandemia causata dal Coronavirus ha determinato un'alterazione delle relazioni sociali e ha avuto ripercussioni anche sui ritmi di vita delle persone, mettendo i riflettori sulle difficoltà di gestione, spesso già esistenti, dei bambini/ragazzi con ADHD.

Il contributo di ciascuno sarà importantissimo per poter evidenziare in maniera strutturata alle Istituzioni i bisogni delle famiglie che convivono con l'ADHD, con l'auspicio di poter chiedere concrete azioni per il miglioramento della qualità della vita dei bambini ed adolescenti con Disturbo da Deficit di Attenzione ed Iperattività. 

Il questionario può essere compilato al seguente link: https://forms.gle/yMYvkKNmKAGgKRz3A

Grazie per la collaborazione.